Riconoscimento libro “Le verità di Piedigrotta”

ARTIGIANFAMIGLIA associazione di volontariato onlus

sede provinciale I traversa Senatore Parodi, n 11/2 89811 Vibo Valentia Marina (VV)

Tel: 0963 571566 Cel: 3403184407 e-mail: info@artigianfamiglia.it www.artigianfamiglia.it

COMUNICATO STAMPA

Le verità di Piedigrotta” al Premio letterario internazionale “Il Saggio”

Il libro della napitina Carmensissi Malferà si aggiudica il secondo posto al concorso di Eboli

Un libro per svelare quei particolari inediti sulla Piedigrotta di Pizzo. Un libro per raccontare l’origine della chiesetta in riva al mare, del significato di ogni singola statua, del culto legato alla Madonna di Piedigrotta ed il perché della presenza del quadro miracoloso nella chiesa napitina. Un libro, infine, per raccontare la geniale opera dei maestri Angelo e Alfonso Barone, i quali hanno consegnato alla comunità internazionale un monumento unico nel suo genere. Di tutta questa meraviglia, infatti, mancava, fino ad ora, uno studio esauriente, di rigore scientifico. A colmare il vuoto si è inserita l’opera della giovane saggista napitina Carmensissi Malferà. Dopo anni di studio, di ricerche, di approfondimenti storici e dopo una presentazione, quasi in sordina, Carmensissi Malferà, è entrata di diritto nel panorama letterario internazionale dove si sta imponendo all’attenzione del pubblico e della critica. Il suo libro, “Le verità di Piedigrotta”, dopo una menzione al Premio letterario di Tropea del 2008 ed un terzo premio conquistato al Premio letterario internazionale “Europa” di Lugano si è imposto anche al Premio letterario “Il Saggio – Città di Eboli”, dove ha conquistato un meritato secondo posto. Un nuovo riconoscimento, dunque, che la stessa non ha esitato a dedicare al professore Giuseppe Nardino, che gli ha trasferito l’amore per la storia e la cultura locale. “Un maestro, che mi ha trasmesso, oltre all’amore per la nostra terra, la passione per la ricerca e la conoscenza”. Insegnamenti preziosi, dei quali la Malferà ha fatto tesoro e che si sono rilevati indispensabili per decifrare tutto ciò che è nato intorno alla chiesetta della Madonneja di Pizzo. Il libro, infatti, è arricchito di particolari finora inediti. Carmensissi Malferà ha decifrato la storia della chiesa rupestre, di ogni singola statua che ha acquistato nuovi e più potenti significati e dove la leggenda ha lasciato posto alla realtà della “storia”. Le storielle fino ad ora raccontate sono state spazzate via dalla serietà della ricerca e dai documenti originali, che hanno attestato le verità raccontate dal padre dell’autrice. Molti gli studiosi, regionali e nazionali, che si sono messi a disposizione dell’autrice affinché il puzzle dei perché della Piedigrotta fosse completato dopo due anni di dure ricerche. A cominciare dalla nota studiosa Maria Stelladoro e del geologo Giuseppe Lococo. Il libro, corredato di antiche diapositive e scatti recenti, quest’ultimi opera di Alfonso Salutato, oltre a costituire un riferimento importante dal punto di vista storico e culturale assume anche una grande valenza solidale. Per espresso desiderio dell’autrice, infatti, tutto il ricavato dell’opera servirà a finanziare le iniziative di ArtigianFamiglia a favore dei ragazzi diversamente abili. Un duplice valore, dunque, che impreziosisce ancora di più un libro di cui a Pizzo, come altrove, se ne avvertiva la mancanza. “Sono molto soddisfatta – ha rilevato l’autrice – di questi successi internazionali, inutile negarlo, la falsa modestia la lascio ad altri! Penso sia un bel risultato a 25 anni vincere due premi letterari importanti nel giro di pochi mesi col primo saggio storico pubblicato. Non nego che tutto ciò mi riempie di gioia! La ricerca storica mi appassiona molto, ogni nuova scoperta grande o piccola che sia mi esalta tantissimo. E’ come se fossi pervasa dallo spirito di Indiana Jones misto a quello di un Francoise Champolion, ogni composizione di un libro è un avventura. Prendo ogni nuovo lavoro editoriale come una sfida con me stessa. La cosa più bella è che son tutti diversi, mi annoio a trattare sempre le stesse tematiche, mi piace spaziare. Mi faccio guidare molto dalla mia curiosità di bimba, che per fortuna non ho mai perso. Mi piace osare ed essere originale nel campo editoriale. Infatti – aggiunge la Malferà – nulla è lasciato al caso nelle mie opere. Seguo io il tutto, dall’impostazione grafica, alla composizione della copertina, alla scelta del materiale fotografico, alla campagna pubblicitaria. Concepisco il libro come una mia vera e propria creatura, una parte di me in tutto e per tutto. Progetti per il futuro? Molti. Vi sorprenderò ancora una volta! Non preannuncio niente fino alla loro concretizzazione, comunque la raccolta di poesie Parole infinite sui binari della vita andrà presto in stampa, e per il prossimo saggio storico bisognerà aspettare fine 2009, che narrerà la storia di un emigrato speciale che dai boschi di Capistrano e San Nicola da Crissa arriva ad esporre le proprie opere al museo navale di Washington, tratta la drammaticità della piaga dell’emigrazione, mista all’amore per la propria terra e agli antichi mestieri delle nostre maestranze delle pre serre vibonesi, territorio a me molto caro, visto che la mia famiglia è originaria proprio di quelle parti ”.

PER LEGGERE IL LIBRO INTEGRALMENTE POTETE CONSULTARE IL SITO http://www.chiesettadipiedigrotta.it

Potrebbero interessarti anche...